VERONA OTT 24 - ROTARY 3.0

Vai ai contenuti
    Verona e Padova
 
16/17 ott
 
 
Programma:
 
1° giorno: ritrovo  dei partecipanti  nel luogo  stabilito  alle ore 07.00  e partenza per Verona  arrivi  sosta presso un selservice per unnpasto veloce,incontro  con la guida e visita di questa splendida città . Verona è una città della regione Veneto, nel nord Italia. Il suo centro storico, costruito in un'ansa del fiume Adige, è di epoca medievale. Verona è conosciuta per essere la città di Romeo e Giulietta, i personaggi dell'opera di Shakespeare, e non a caso ospita un edificio del XVI secolo chiamato "la casa di Giulietta", con un delizioso balcone affacciato su un cortile. L'Arena di Verona, grande anfiteatro romano del primo secolo, ospita concerti e opere liriche –Tempo libero per una passeggiata nel centro  storico e trasferimento in hotel .Cena e pernottamento-
 
Dopo cena incontro con  un professore di  storia dell’arte.
 
 
2° giorno :prima colazione  in hotel ,partenza per Padova    e visita guidata. Padova è una città del Veneto, in Italia Settentrionale, nota per gli affreschi di Giotto della Cappella degli Scrovegni, del 1303-05, e per la grande Basilica di Sant'Antonio del XIII secolo. La basilica, caratterizzata da cupole in stile bizantino e pregevoli opere d'arte, ospita la tomba del santo a cui è intitolata. Nel centro storico della città si trovano strade con portici ed eleganti caffetterie frequentate dagli studenti dell'Università di Padova, fondata nel 1222. Pranzo in ristorante e nel pomeriggio  visita della Cappella degli  Scrovegni completamente dipinta da Giotto .Al termine inizio del  viaggio  di  rientro
 
 
Quota di partecipazione  € 250
 
Suppl. sing.€ 40
 
 
La quota comprende:
 
Viaggio in pullman –Ztl e parcheggi- autista a nostro  carico – mezza pensione  in hotel 4 stelle a Verona – pranzo  a Padova –bevande –guida mezza giornata a Verona-sala a disposizione la sera del  16 ottobre – ingresso alla cappella degli Scrovegni –auricolari –
 
Assicurazione medico  bagaglio –
 
 
Non sono comprese  le mance, altri ingressi- eventuale tassa di soggiorno –e quanto non menzionato
 
Una gratuità ogni 25 paganti
 
Eventuale nostro accompagnatore  suppl.€ 10
PADOVA Urbs picta
 
Itinerario proposto e guidato da Roberto Filippetti per amici del Rotary – La Spezia
 
 
 
Gent.mo Amm. Salvatore Teja,
 
   rispondo in modo ampio e articolato, cosicché possa lei “scolpire” l’itinerario definitivo.
 
 
Alla luce di quanto mi scrive, l’ideale – mi pare – è che io vi raggiunga a Verona nell’hotel ristorante in cui cenerete e pernotterete. Occorre verificare che abbia una sala-proiezione con schermo di dimensioni proporzionate (o parete bianca). Di solito in queste sale-meeting degli hotel c’è un videoproiettore a soffitto, ma se non c’è usiamo il mio videoproiettore portatile. Per forza devo collegarmi col MIO PC perché la presentazione explorer navigation che mi permetto lo zoom sui dettagli in hd è un customer inventato in esclusiva per me e non scaricabile in chiavetta. Dunque cena …non luculliana (onde evitare l’abbiocco postprandiale) e subito dopo trasferimento nell’attigua sala per la mia presentazione di 60-75 minuti. Sembra tanto, ma è come un film avvincente e il tempo vola. Per ventennale esperienza le posso assicurare che questa oretta insieme sarà ricordata come il piatto forte dei vostri due giorni, anche perché permetterà di “godere” poi del monumento vero, cosa che sarebbe impossibile nei quindici minuti concessi per la visita alla Cappella degli Scrovegni. Propongo di NON fare questa videoproiezione in sala ristorante, alla luce di esperienze parzialmente negative in passate cene-Rotary nel Triveneto: schermo portatile troppo piccolo e basso; persone sedute attorno ai tavoli e …col rischio del torcicollo dopo un’ora in posizione scomoda.
 
 
Poi io torno a casa (Camponogara, provincia di Venezia) e vi raggiungo la mattina dopo a Padova, dove immagino il vostro arrivo da Verona verso le 9.30 e la vostra ripartenza per Spezia verso le 17, o forse un po’ prima.
 
Se questi sono i tempi, riusciamo a visitare due dei tre poli monumentale della città, col seguente orario ipotetico:
 
 
9.30 vostro arrivo in Via Trieste a Padova. Solo lì il Comune ha previsto il punto di CARICO SCARICO BUS TURISTICI PER ZONA CAPPELLA DEGLI SCROVEGNI: precisamente VIA TRIESTE INCROCIO CON VIA DIEGO VALERI
 
Subito dopo l’interparking di Via Trieste 50 c’è questo spazio per sosta breve di 15 minuti x bus turistici; da lì si fa a piedi la “Passeggiata Arturo Miolati”, si attraversa via Gozzi e si va a sx superando il ponte Milani e procedendo dritto per breve rettilineo di via Porciglia che sbocca su una piazza a dx su absidi della Basilica Eremitani; in tutto 10-15 minuti a piedi…
 
 
9.45 visita alla Basilica Eremitani
 
…a seguire, fino alle 12 giro del centro storico, con Visita a pagamento all’interno del Palazzo della Ragione (non serve la prenotazione) e solo gli esterni dell’Università e delle piazze.
 
 
Alle 12 pranzo alla pizzeria ristorante “Eremitani”, dove ho portato anche pochi giorni fa 75 persone di Varese: spazio molto ampio e possibilità di prenotare menù fisso, magar con due opzioni per primo/secondo; oppure pizza margherita per tutti come hanno fatto questi amici. Servizio veloce perché a quell’ora siamo i primi e non c’è ancora nessuno. Per prenotare e concordare menù chiamare facendo il mio nome 049-8754663
 
 
A partire dalle ore 14 prenotare in Cappella degli Scrovegni. Si entra a gruppi di 25 (io più 24 di voi), dunque sarete almeno due gruppi. Suggerisco di prenotare con ampio anticipo, almeno un mese prima perché è molto difficile avere due o tre turni tutti per noi nell’orario da noi desiderato. Fatta la prenotazione occorre poi fare il bonifico in tempi piuttosto stretti.
 
Prenotare allo 049-2010020 oppure sul sito www.cappelladegliscrovegni.it
 
 
A seguire visiteremo il grande museo Eremitani, dandogli il giusto tempo alla luce dell’ora in cui ripartirete per Spezia.
 
Compenso prestazione per questi due giorni con voi. Posso fare regolare fattura, essendo titolare di una ditta individuale; o se preferite cash brevi manu. È mio costume non stabilire tariffe ma lasciar decidere a chi organizza l’evento.
 
 
Do qui di seguito il dettaglio dei tre poli monumentali della città visitabili in due giorni. In un solo giorno ho pensato di “sacrificare” il polo che fa perno sulla Basilica di Sant’Antonio e sull’Orto botanico
 
 
 
 
evidenzio in giallo i nostri due ingressi a pagamento
 
In verde altri possibili ingressi a pagamento, se si vuol cambiare il programma alla luce dei vostri interessi
 
 
PRIMO POLO MONUMENTALE: IL CENTRO DI PADOVA
 
·         Palazzo della Ragione (cuore civile della città medievale, tutto affrescato in origine dalla bottega di Giotto, poi, dopo un disastroso incendio, ridipinto attorno al 1420: 333 affreschi in 12 grandi comparti, coi 12 mesi. Una vera enciclopedia medievale). Le piazze delle erbe e della frutta, ai lati di questo "Salone" (la più grande sala pensile d'Europa); poi piazza dei Signori; Caffè Pedrocchi
 
·         Esterno dell’Università: il Bò.
 
·         Battistero del Duomo (capolavoro di Giusto de’ Menabuoi, da poco riaperto dopo i restauri): stupendo Paradiso nella cupola; storie della genesi nel tamburo; storie dell’incarnazione e Redenzione nelle 4 pareti; bellissima apocalisse nel piccolo presbiterio) La visita comprende un video di 15 minuti ed una visita al monumento di 25 minuti, con audioguida (il tutto è compreso nel biglietto d’ingresso)
 
SECONDO POLO:
 
·         Cappella degli Scrovegni e Museo Eremitani (immenso museo, nel quale ci si soffermerà solamente sul due sale medievali: quella con le due tavole di Giotto che in origine erano nella Cappella degli Scrovegni e quella attigua con le gerarchie angeliche dipinte dal giottesco Guariento)
 
·         Nell’attigua Basilica Eremitani affreschi di Guariento, con storie di Ambrogio e Agostino. Soprattutto, poi, la Cappella Ovetari restaurata, capolavoro giovanile di Mantegna
 
TERZO POLO (che non abbiamo tempo di visitare, se teniamo la mia proposta di visita)
 
·         In piazza del Santo sta la splendida statua equestre – la prima in bronzo del secondo millennio, fusa più di mille anni dopo il Marco Aurelio di Roma - del Gattamelata di Donatello, ma ora è in restauro e non visibile.
 
·         Arciconfraternita del santo e Oratorio di san Giorgio (Tiziano e Altichiero),
 
·         Basilica del Santo: la tomba e le reliquie del Santo; capolavori di Giusto de’ Menabuoi, nella Cappella di S. Luca Belludi, appena dopo la tomba del Santo; Crocifissione di Altichiero nel transetto destro; capolavori di Donatello sopra l’altar maggiore (e, dietro l’altare, la Pietà)
 
·         A cinque o dieci minuti dal Santo: La gigantesca piazza di Prato della Valle con la Basilica di Santa Giustina, e con le reliquie di San Luca Evangelista nel transetto sinistro.
 
·         A due passi dal Santo c'è l'Orto botanico, il primo al mondo, nato nel '500 come "Orto dei semplici"
 
 CV di Roberto Filippetti
 
Studioso d’arte e letteratura, ha insegnato Lettere nei Licei tra Padova e Venezia e Iconologia e Iconografia presso l’Università Europea di Roma. Ha collaborato con molte riviste. La vivacissima attività di conferenziere lo ha portato a tenere lezioni e presentazioni nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché in quasi tutte le principali università italiane e all'estero. A Barcellona ha parlato di Giotto agli architetti che stanno edificando la Sagrada Familia; a Pechino ha tenuto un corso d'Arte sacra al Seminario nazionale; ha tenuto presentazioni in Austria, Svizzera, Slovacchia, Spagna, Paraguay, Perù, Cina, Israele. E, durante la pandemia, presentazioni a remoto per appassionati di Dubai, Colombia, Brasile, Singapore, Vietnam, Malesia.
 
È curatore di cinque mostre didattiche itineranti, e autore dei relativi cataloghi riguardanti
 
·        gli affreschi di Giotto a Padova
 
·        gli affreschi di Giotto della Basilica superiore di Assisi
 
·        i capolavori di Caravaggio
 
·        i capolavori di Van Gogh
 
·        il “cuore” di Caravaggio e di Van Gogh
 
È autore di una ventina di libri, fra i quali:
 
·        L’avvenimento secondo Giotto (tradotto in cinque lingue), riscritto per ragazzi col titolo Il Vangelo secondo Giotto e per bambini piccoli in due volumetti intitolati Anche i cammelli fanno ooh! e L'asino che portava Gesù. È autore anche di una completa Guida alla Cappella degli Scrovegni
 
·        Francesco secondo Giotto (riscritto per bambini piccoli col titolo Francesco, il cavaliere di Gesù)
 
·        Caravaggio l’urlo e la luce
 
·        Van Gogh un grande fuoco nel cuore
 
Fra i testi di ambito letterario:
 
·        Educare con le fiabe
 
·        Leopardi e Manzoni: il viaggio verso l’infinito
 
·        Il per-corso e i percorsi (mini-saggi sulla letteratura italiana ed europea dalle origini ai giorni nostri, in tre volumi)
 
·        L’io spezzato e la domanda di assoluto (primo volume: L’Ottocento
 
secondo volume: Il Novecento).
 
·        IL DESIDERIO E L’ALLODOLA. Etimologie: l’attrattiva delle parole
 
La mostra da lui curata, che riproduce la Cappella degli Scrovegni in scala 1:4, ha superato il milione di visitatori in Italia e nel mondo; in particolare dal 2017 al 2019 nei 21 allestimenti in altrettante città piccole e grandi del Veneto, più di 2000 studenti in Alternanza Scuola Lavoro (oggi PCTO) l’hanno illustrata ad oltre 110.000 visitatori.
 

 
 
ROTARY CLUB LA SPEZIA - DISTRETTO 2032 - SEDE NH HOTEL LA SPEZIA Via XX Settembre, 2, 19124 La Spezia
CF 91039150114  P.I. IT91039150114
Torna ai contenuti